Tonificazione cutanea e dieta coerente con il trattamento

Tonificazione cutanea e dieta coerente con il trattamento

Tonificazione cutanea e dieta

Tonificazione cutanea e dieta

Nella tonificazione cutanea è utile la dieta  per  evitare i comportamenti alimentari che favoriscono l’invecchiamento e per aumentare i cibi a PRAL negativo. Si tratta di una metodica complessa integrata in una terapia implica anche prescrizioni sullo stile di vita. La dieta  è complementare a tutte le terapia mediche specifiche per la tonificazione cutanea e contribuisce ad aumentare il loro risultato.  Nella tonificazione cutanea la dieta è apprezzata per la sua efficienza senza effetti collaterali indesiderati. La dieta per la tonificazione cutanea è  una stimolazione naturale dei tessuti in modo che essi recuperino la loro elasticità e tono.  L’ obiettivo della dieta per la tonificazione cutanea è una stimolazione naturale dei tessuti implicati attraverso comportamenti alimentari  stile di vita coerenti.

La pelle è il rivestimento più esterno del  corpo umano. La pelle estesa raggiunge una superficie di 2 metri quadrati. La funzione della pelle oltre la protezione è rappresentata dal contatto e socialità.  La pelle è costituita da una serie di tessuti di origine ectodermica e mesodermica, che può avere varia colorazione, struttura fisiologica e organica, andando incontro anche a processi d’invecchiamento più o meno visibili. La pelle  dei mammiferi presenta una struttura diversa nelle differenti classi di vertebrati. La pelle dei mammiferi è resa peculiare dalla presenza di peli. Nell’uomo si realizza una  particolare culminante biologica sulla pelle ovvero la perdita dei peli per favorire il contatto  emozionale e sessuale. Man mano che la pelle invecchia, diventa sempre più sottile e fragile, a causa del fatto che la rigenerazione cellulare diventa più lenta e sopratutto per la perdita di idratazione e collagene dei tessuti. La tonificazione cutanea con dieta contrasta questo processo.

L’ invecchiamento cutaneo è una conseguenza della diminuzione dell’elasticità e della disidratazione.  La funzione della cute è rappresenta un delicato equilibrio biologico tra protezione e contatto. Disidratazione, preoccupazioni, stress, scarso riposo, carenze nutrizionali, ambiente tossico e fumo sono le cause principali che provocano in ogni individuo un maggiore affaticamento della pelle rendendo utile una tonificazione cutanea con dieta. Il volto è l’unica zona cutanea  non protetta dall’abbigliamento e pertanto maggiormente esposta. Inoltre la mimica della stanchezza attraverso l’espressione e la comunicazione non verbale affatica la cute del  volto più di ogni altra parte del corpo.  Questa condizione considerando i ritmi  che caratterizzano la quotidianità, va a toccare un numero sempre maggiore di persone, di tutte le età.  La prima manifestazione di affaticamento cutaneo si traduce generalmente nella perdita di tonicità e elasticità. Prima di praticare la tonificazione cutanea con dieta, la situazione del paziente è valutata tramite l’analisi di composizione corporea. Alcuni  dei parametri misurati nella composizione corporea sono significativi per valutare  modalità, tempi e strategie di trattamento necessarie:

  • TBW Total Body Water o acqua totale
  • Turn over della TBW o ricambio di acqua giornaliero necessario
  • ECMprotein Extracellular matrix protein o collagene
  • FFM  Fat Free Mass Massa magra
  • FM Fat Mass  Massa grassa

L’ acqua totale rappresenta la percentuale complessiva dei fluidi corporei rispetto al peso totale del soggetto. Sono fisiologici i valori acquisiti dal paziente maschile se espressi in un range compreso tra il 60% e 70% del peso corporale complessivo. Per un paziente femminile il range fisiologico è esteso tra il 55% e il 65% del peso corporale complessivo. Il parametro turn over della TBW o dell’ acqua totale aiuta il paziente a bere il quantitativo di acqua corretto nelle 24 ore.  Invitare il paziente a seguire correttamente il proprio turn over idrico è necessario per mantene o ottenere i risultati della tonificazione cutanea con dieta. Il quantitativo di collagene presente nella matrice extracellulare permette di considerare ai fini di  una tonificazione cutanea con dieta, anche l’ uso di integratori favorevole al recupero di tono e elasticità della pelle. La dieta parametra la dieta al carico glicemico GL (Glicemic Load) e al PRAL (Potential Renal Acid Load)  degli alimenti routinariamente ingeriti. La curva di risposta metabolica in un individuo nell’arco delle ventiquattro ore, è la premessa per una strategia nutrizionale personalizzata nell’ orario e mirata alla correzione delle anomalie implicate nell’insorgenza di un invecchiamento cutaneo.  Al seguito di una fase diagnostica  in dieta si elaborano sequenze nutrizionali personalizzate da alternare durante la settimana. La dieta è facile da eseguire, non richiede di pesare il cibo con grande precisione e sopratutto quando correttamente eseguita, provvede alla rimozione della fame compulsiva.  La dieta coerente tiene conto per ogni paziente  dei seguenti parametri:

1. Qualità: quale cibo mangiare
2. Orario: a che ora conviene assumere un determinato cibo.
3. Minimi e massimi di carico: mangiare poco può danneggiare la massa magra
4. Rispetto dell’equilibrio acido-base degli alimenti assunti
5. Quantità di acqua da assumere nelle ventiquattro ore

La  tonificazione cutanea con dieta è una tecnica attraverso la quale si ottiene una stimolazione naturale  del pelle.La dieta coerente con il trattamento non è applicata solo al fine di ottimizzare il peso forma, ma sopratutto per contenere la risposta infiammatoria e la acidificazione associata a molte patologie. Si tratta di una metodica complessa che considera la scelta del cibo e dello stile di vita parte integrante di una terapia. Una dieta coerente  con il trattamento si associa efficacemente a terapia farmacologica consentendo di ridurne il dosaggio, motivo evidente per il quale è spesso banalizzata e trascurata nelle prescrizioni. La dieta coerente  è anche  uno strumento di prevenzione importante per molte malattie. Cibo e  cura sono interconnessi da precisi rapporti ormonali, biochimici e metabolici.  Il trattamento tramite dieta è integrativo e non sostitutivo di altri strumenti di  terapia. Si consiglia di rivolgersi a un medico,  verificando l’iscrizione dell’operatore presso Ordine dei Medici,  assicurandosi che operi le scelte in terapia tramite l’ analisi della composizione corporea.  Il trattamento in dieta del paziente non si contrappone ne sostituisce le linee guida della medicina convenzionale, ma al contrario stabilisce con esse una virtuosa collaborazione e una straordinaria opportunità anche a livello di prevenzione.

Dott. Fabio Elvio Farello